Geranio perenne : come piantarlo e prendersene cura ?

Preliminarmente ristabiliamo la verità : i pelargoni, piante annuali coltivate in fioriere, chiamate ingiustamente gerani, non sono gerani. Certamente pelargoni e gerani appartengono alla stessa famiglia delle Geraniaceae, ma la loro origine è diversa : il pelargonio freddoloso proviene dal Sud Africa, il geranio dalle zone montuose di tutti i continenti. Basti dire che il geranio è una pianta perenne particolarmente resistente (fino a -20°C) che viene coltivata ovunque in Francia.

E i suoi pregi sono numerosi : fioritura delicata in bianco e diverse sfumature di rosa, malva e blu, molto abbondante e durevole, fogliame molto decorativo, denso e talvolta persistente e adattabilità a tutte le situazioni, dal sottobosco al giardino roccioso soleggiato. Esistono molte varietà con abitudini diverse, che possono fungere da copertura del terreno o formare bellissimi cespi in un ciuffo.

Geranio cinereo 'Ballerina'
                                                                 Geranio cinereo ‘Ballerina’

Descrizione del geranio perenne

Descrivere il geranio perenne significa soprattutto parlare dei suoi fiori. Tanti fiori perché questa pianta della famiglia delle Geraniaceae fiorisce ininterrottamente da maggio fino al primo gelo. Più di 6 mesi di fioritura . Una fioritura generosa e continuamente rinnovata (con una piccola pausa estiva), abbastanza semplice ma delicata, che copre una tavolozza di colori che va dal bianco all’azzurro, passando per il rosa, il malva, il viola … Anche i fiori a cinque petali sono spesso venati o hanno un nucleo più o meno oscuro.
Oltre che per la fioritura, il geranio perenne è interessante per il suo fogliame, spesso verde, talvolta violaceo, essenzialmente deciduo , molto ornamentale per la forma palmata, più o meno frastagliata. Alcune varietà hanno foglie leggermente aromatiche quando vengono frantumate. Altri hanno rizomi che permettono loro di realizzare ottime coperture del terreno. Quanto ai frutti, evocano il becco di una gru, forma particolare che spiega il nome geranio, dal greco « geranos » che significa « gru ».
Molto resistente, il geranio perenne si adatta al sole o all’ombra parziale , sia ai terreni freschi che a quelli asciutti , il che gli permette di integrarsi in aiuole, giardini rocciosi, argini e bordure del sottobosco. Si coltiva facilmente anche in vaso.

Piantare geranio perenne

Esistono molte varietà di gerani perenni che hanno esigenze leggermente diverse. Tuttavia, la maggior parte preferisce il pieno sole o l’ombra parziale e terreni fertili, ben drenati e leggeri, piuttosto freschi . Temono invece i terreni impregnati d’acqua. Il terreno da neutro a leggermente acido è ideale per i gerani perenni.
La semina avviene sia in primavera che in autunno , esclusi i periodi di gelo o caldo estremo.
Piantare gerani perenni

  • Immergere le tazze in una bacinella d’acqua
  • Lavora e allenta il terreno e aggiungi un po’ di compost
  • Scava buche grandi il doppio della zolla, distanziate tra 30 e 40 cm l’una dall’altra
  • Districa le radici dalla zolla e pianta i gerani perenni
  • Chiudere il foro premendo con le dita per eliminare le bolle d’aria.
  • Innaffiare abbondantemente

In vaso, i gerani perenni vengono piantati in un substrato costituito da terriccio e sabbia, su un letto di palline di argilla. 

Prendersi cura del geranio perenne

I gerani perenni sono piante poco esigenti . Una volta installati, si arrangiano da soli. Soltanto i gerani coltivati in vaso andranno annaffiati, e il substrato arricchito con concime liquido ogni mese. È anche possibile mettere un po’ di terriccio alla base dei gerani perenni coltivati in piena terra in autunno.
A metà estate, la fioritura fa una pausa. Una potatura drastica del fogliame stimola l’emergere di una nuova ondata di fiori e di fogliame ancora più ornamentale . Un’altra riduzione può essere effettuata alla fine dell’inverno.

Propagazione del geranio perenne

La semina per la propagazione dei gerani perenni è talvolta incerta, soprattutto per le varietà orticole, spesso derivanti da ibridazioni. Altre varietà invece riseminano spontaneamente con una certa facilità. 
Per propagare i gerani perenni è meglio privilegiare la divisione dei cespi per le varietà con stoloni, e le talee (soprattutto per Geranium macrorrhizum ). La divisione dei cespi e delle talee avviene in primavera, in aprile o maggio.

Prevenzione e cura delle malattie del geranio perenne

Gli unici veri nemici dei gerani perenni sono le lumache che rosicchiano i giovani germogli. Esistono molti metodi per tenerli lontani, come una barriera contro le lumache, ma la raccolta manuale notturna ti consente di sbarazzartene senza ucciderli. 

Le diverse varietà di geranio perenne

Esistono una moltitudine di specie e varietà di gerani perenni molto facili da coltivare e mantenere. A questo bisogna aggiungere anche una gamma molto ampia di ibridi che permettono di variare i colori dei fiori e del fogliame, le abitudini e le dimensioni: 

  • Geranium cinereum : alto 10 cm, è una specie tappezzante per giardini rocciosi
  • Geranium foxi i: è una specie dal fogliame molto decorativo, con superficie vellutata. È alta 30 cm, ideale come coprisuolo
  • Geranium dalmaticum : è una specie con una vasta rete di rizomi e una fitta vegetazione
  • Geranium endresii  : è una specie dal fogliame sempreverde in inverno mite, alto 25 cm e largo 80 cm. Fioritura da giugno ad agosto
  • Geranium macrorrhizum  : è uno spazio vigoroso, alto 30 cm, con fogliame profumato. È un’eccellente copertura del terreno
  • Geranium sanguineum : è la specie più comune e fiorisce tutta l’estate. 20 cm di altezza e cresce rapidamente
  • Geranio dell’Himalaya : è una specie che cresce in larghezza
  • Geranium pratense : è una specie alta che raggiunge i 60 cm. Si ricopre di grappoli di fiori tra giugno e agosto.
  • Geranium psilostemon  : è una specie sensibile al gelo da coltivare in vaso che raggiunga gli 80 cm di altezza
  • Geranium cantabrigense  : è una specie tappezzante molto rustica e dal portamento compatto.
  • Geranium oxonianum : ottimo tappezzante molto fiorifero e poco impegnativo 
  • Geranium phaeum  : è una specie di sottobosco con fusti eretti sopra il fogliame e piccoli fiori piatti
  • Geranium sylvaticum  : anch’esso è una specie da sottobosco che ama i terreni freschi